20. Aprile, 2023

Nuovi look e nuove facce per le 52 SUPER SERIES

Quando la stagione 2023 della 52 SUPER SERIES si aprirà a Saint Tropez il 2 maggio, i campioni in carica faranno il loro debutto con i nuovi colori e modifiche importanti al loro equipaggio. L’americano John Kostecki si unisce al team guidato da Doug DeVos come nuovo tattico.

La 52 SUPER SERIES Saint Tropez Sailing Week (2-7 maggio) sarà molto più della prima delle cinque regate che comporranno la stagione 2023 del circuito di monoscafi più importante del mondo. Significherà il ritorno alle competizioni dopo la pausa invernale e il punto da cui inizieranno a chiarirsi le incognite e quali team possano ambire alla gloria finale.

Quantum Racing, powered by American Magic, affronta la doppia sfida di conservare la corona mondiale del Rolex TP52 World Championship e il titolo assoluto della 52 SUPER SERIES 2022 ottenuto con un impressionante record di quattro vittorie su cinque eventi.

Il nuovo Quantum Racing, supportato dal marchio American Magic, riflette uno spostamento che mira a portare i migliori giovani talenti americani nella formazione già consolidata e di successo dei migliori talenti mondiali. In assenza del tattico Terry Hutchinson e dello stratega Lucas Calabrese, completamente concentrati sulla 37a America’s Cup con American Magic, l’equipaggio ha dato il benvenuto a John Kostecki come nuovo tattico insieme a un gruppo di giovani velisti che hanno svolto le prime sessioni di allenamento all’inizio del Aprile a Valencia.

Kostecki, che ha guidato Platoon ai titoli mondiali TP52, è stato il primo a vincere una medaglia olimpica, l’America’s Cup e la Ocean Race. Farà parte di un gruppo di lavoro a poppa rinnovato in cui spiccano Harry Melges IV come timoniere e Víctor Díaz de León come navigatore-stratega. Sara Stone si unisce alla prua e Scott Ewing sarà il nuovo grinder.

La gestione delle aspettative è fondamentale per i primi eventi del circuito. La classe si riscalda spesso all’inizio di maggio a PalmaVela, ma questa stagione inizia prima del solito, quindi Saint-Tropez sarà una sorta di battesimo del fuoco per i neofiti, molti dei quali provengono da classi di skiff o di barche con foil.

Ed Reynolds, team manager statunitense, è fiducioso che il nuovo equipaggio si integrerà rapidamente e senza intoppi, anche se l’adeguamento delle comunicazioni, il posizionamento della barca e il tempismo possono richiedere un paio di test:

“La cosa buona è che tutti sono molto coinvolti ed entusiasti. La cosa difficile con l’arrivo di un gruppo numeroso è che si abituino alla squadra. Non credo che nessuno di loro, tranne Sara, abbia mai avuto precedenti esperienze con un TP52, quindi tutto sta nell’imparare a gestire la barca, quando puoi rallentarla e quando puoi accelerarla. Probabilmente la cosa più importante, è che Víctor Díaz de León, il navigatore-stratega, e John Kostecki comunichino come è meglio per loro. Sarà un lavoro in continua evoluzione”.

Spiega Reynolds.

Tra i lati positivi, Reynolds vede la velocità della sua barca come una risorsa importante:

“Penso che saremo competitivi e forti. L’anno scorso abbiamo avuto probabilmente l’anno migliore di sempre nei i TP52, quindi non voglio spingere nessuno a dire che penso che lo faremo di nuovo. Non sto cercando scuse, ma penso che nelle prime due prove testeremo il terreno; una volta superate le difficoltà dell’inizio penso che andrà tutto bene.”

La partenza e la prima bolina sono spesso i momenti decisivi delle regate, e questa sarà una delle aree su cui bisognerà lavorare:

“Quello che mi preoccupa di più è la rapidità con cui riceviamo comunicazione ed esperienza sulla linea di partenza. È qui che i nuovi timonieri e team tendono ad avere maggiori difficoltà”.

Reynolds vede Kostecki come un tattico solido, affidabile e di grande esperienza che cercherà di dimostrare la sua capacità di vincere dopo essere stato sostituito su Platoon alla fine della scorsa stagione.

Secondo Reynolds:

“Osservandolo nel corso degli anni, penso in termini di gestione del corso di non aver mai visto nessuno migliore di John Kostecki. L’ho visto con Platoon: dopo aver fatto delle partenze non molto buone, John è riuscito a trasformarsi da ottavo o nono in terzo o quarto. E questo è davvero importante nella 52 SUPER SERIES. È stato nel circuito da tutta la vita. Lui e Victor non si somigliano per niente, quindi la loro comunicazione, i tempi e altri dettagli avranno bisogno di lavoro, ma quando si tratta di gestire il rischio e tirare fuori una barca da una brutta situazione, ho osservato John per almeno 15 anni, ed è il migliore.”

La flotta della 52 SUPER SERIES si sta riunendo a Saint-Tropez con gli occhi puntati sulla prima regata di allenamento ufficiale della stagione, lunedì 1 maggio. Sono attese 11 team in gara.


Condividi questo articolo: