23. Maggio, 2022

Slitta, si prepara per la difesa del titolo

I campioni della 52 SUPER SERIES del 2021 affrontano la difesa del titolo recuperando al timone il loro playmaker, Takashi Okura, che la scorsa stagione non ha potuto viaggiare. Il team ha lo stesso nucleo di velisti giapponesi che lo scorso novembre a Palma ha ottenuto una storica doppietta vincendo il titolo della 52 SUPER SERIES e il Rolex TP52 World Championship.
Consapevole della forza della flotta TP52 in questa stagione, il team americano si avvicina al 10° anniversario della 52 SUPER SERIES con una prospettiva del tutto obiettiva. Come sottolinea il loro project manager e trimmer Don Cowie, vincere il titolo di un punto significa che non possono dare nulla per scontato.

“L’anno scorso abbiamo avuto una buona stagione a dire il vero, ma in un paio di occasioni abbiamo avuto la fortuna di essere in testa alle regate quando il vento era troppo debole o troppo forte e la sorte ha girato a nostro favore, ma lì avrebbe potuto essere il contrario e finire terzo o quarto altrettanto facilmente. Penso che la flotta sia così forte che sarebbe molto arrogante pensare che finiremo tra i primi due. Ma vorremmo finire sul podio, soprattutto per non fare brutte regate, ma ovviamente non stiamo gonfiando il petto perché siamo i campioni del mondo”.

La barca ha mostrato una buona velocità nel 2021 in tutte le condizioni, quindi il team ha scelto di continuare con la stessa configurazione, applicando piccoli accorgimenti:

“Non siamo cambiati molto, non abbiamo optato per nulla di radicale. Avendo Murray Jones che è un po’ un guru del rig, abbiamo alcune nuove idee da un paio di TP52 che abbiamo ad Auckland e le applicheremo. Abbiamo esaminato la nuova opzione della pinna, ma non possiamo giustificarla con mezzo secondo per miglio o qualunque cosa i designer dicano che ci darà. Certo potrebbe tornare a perseguitarci, ma non abbiamo problemi con il costo, il signor Okura è molto bravo a farci comprare cose nuove. Vogliamo solo metterci al lavoro e fare quello che possiamo. Questa è una nuova sede per tutti, quindi siamo felici di trascorrere tre o quattro giorni di allenamento. Il signor Okura è un timoniere così bravo che non ci vorrà molto per recuperare il ritardo, ma dobbiamo ricordare che non timona la barca da un paio d’anni”.

La struttura di poppa, con il veterano neozelandese Murray Jones come stratega e Francesco Bruni come tattico, ha funzionato bene lo scorso anno, come ricorda Cowie:

“La barca sarà molto più veloce con il signor Okura al timone e non con Murray. Siamo molto felici di riavere il signor Okura. L’anno scorso è stata una grande stagione, ma ti senti come se ci fosse un vuoto quando non hai il capo a bordo.”

Nel 2022, il circuito torna al formato a cinque tappe e termina alla fine di ottobre a Barcellona. Cowie avverte:

“Per noi, penso che la cosa principale sia mantenere la squadra motivata. È molto facile fare lunghe stagioni all’estero (per i kiwi) facendo cinque regate di seguito, confondersi con RC44 e regate di superyacht e stancarsi abbastanza verso la fine. Penso che si tratti di mantenere la forma e la concentrazione per tutta la stagione. La priorità per i nostri ragazzi è il progetto con Sled. Adoriamo anche il programma 12 Meter (il signor Okura ha il 12 Meter Liberty a Newport), il cui evento chiave si tiene tra il primo e il secondo round della 52 SUPER SERIES. I 12 metri sono molto diversi e un po’ più spensierati rispetto ai TP52″.


Condividi questo articolo:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies and our privacy policy. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close