26. Febbraio, 2020

Grande pressione dalla prima all’ultima regata nelle 52 SUPER SERIES 2020

(Mercoledì 26 febbraio, Città del Capo) – Sta per decollare quella che sarà una stagione incredibile delle 52 SUPER SERIES 2020. Da lunedì, i timonieri del circuito su monoscafi leader nel mondo, si sfideranno in una nuova location per una nuova grande sfida. A Città del Capo, al cospetto di Table Bay, si alzerà il sipario su quella che promette di essere la stagione, con ben sei eventi, più emozionante e combattuta di sempre.

PREVIEW: 52 SUPER SERIES 2020

We're BACK! Get ready for the six-event 2020 52 SUPER SERIES starting in Cape Town on Monday 2nd March.

Gepostet von 52 Super Series am Dienstag, 11. Februar 2020

 

La prima volta in assoluto a Cape Town per il circuito e la classe TP52, che quest’anno celebra il suo 20° anniversario, mettendo alla prova dieci team da otto nazioni che si sfideranno in acque costiere relativamente sconosciute alla maggior parte degli equipaggi.

Ci sono grandi speranze che il Cape Doctor – il famoso vento da sud-est – effettuerà una visita prolungata all’Odzala Discovery Camps 52 SUPER SERIES V&A Waterfront – Città del Capo; e sebbene la maggior parte degli equipaggi abbia ottimizzato le barche per un’intensità del vento medio-alta, tutto potrebbe succedere in questa prima regata della stagione.

Proprio come ci sono dozzine di variabili che devono essere prese in considerazione quando si prevedono i possibili piazzamenti sul podio a Città del Capo, così non esiste un favorito per il titolo della stagione 2020.

Una di queste variabili predittive è il mantenimento di un allineamento coerente dell’equipaggio di anno in anno. A questo proposito, sia Quantum Racing di Doug DeVos che Azzurra della famiglia Roemmers – campioni in carica del 2019 – hanno presentato cambiamenti nella formazione, mentre, ad esempio, i campioni del mondo di Harm Müller-Spreer su Platoon hanno lo stesso afterguard che li ha guidati a finire con il secondo assoluto per le ultime due stagioni. A conti fatti, forse la sfida di integrare il nuovo tattico italiano Michele Paoletti nel ruolo caldo come quello di tattico su Azzurra sarà leggermente più importante di quella che affrontano i campioni del 2018 Quantum Racing che vedono il ritorno nell’afterguard di Michele Ivaldi.

L’olimpionico a Sidney 2000 Michele Paoletti, 44 anni, è ben nota all’equipaggio di Azzurra, che recentemente ha navigato sul Maxi72 italiano Cannonball, con molti membri dell’equipaggio di Azzurra. Si è già integrato perfettamente nel ruolo di tattico precedentemente ricoperto da Santiago Lange, e per otto anni prima quello di Vasco Vascotto. Il velista triestino ha disputato la 32^ Coppa America con Mascalzone Latino insieme al concittadino Vascotto, non vanta però esperienza recente nella 52 SUPER SERIES. 


Ciò non mette in apprensione il rilassato Paoletti:

“È una grande sfida per me; un grande onore correre con i colori di Azzurra, conosco bene i ragazzi, hanno riposto la loro fiducia in me e farò del mio meglio. Sono amici, ma anche un team super forte. Lo spirito della barca mescola davvero le prospettive argentine e italiane e penso di adattarmi bene, e questo è importante. Altri tattici possono essere medagliati e hanno vinto tutto, ma so di avere un grande supporto da parte di una delle squadre più forti del circuito e ora tocca a me prendere da subito delle buone decisioni. Non mi dispiace affatto la pressione, mi concentrerò solo sulle regate come so “, afferma Paoletti che si è allenato con il team Azzurra per una settimana a Valencia prima di Natale, prima del periodo di preparazione in Sudafrica.

Al contrario, Michele Ivaldi ha già navigato e vinto con il team Quantum Racing. È anche uno dei navigatori strateghi più esperti della flotta, entrando nel ruolo di navigatore in Quantum Racing lasciato libero da Juan Vila. Lo skillset di Ivaldi come stratega è visto come una risorsa forte ritornando in un team che vede Cameron Appleton come tattico ed Ed Baird come skipper-timoniere.

L’armatore Doug DeVos regaterà in due regate in questa stagione, il Rolex TP52 World Championship a Cape Town e l’Audi 52 SUPER SERIES Porto Cervo e TP52 20th Anniversary Invitational a giugno.

“È una dinamica interessante quella che abbiamo adottato, e quando Doug timonerà vedremo Ed concentrarsi maggiormente sul lavoro con lui. Una cosa che abbiamo sicuramente rafforzato in questa stagione è l’intera questione della gestione del rischio. A volte, se hai intenzione di fare le cose per bene devi correre più rischi. Altre volte puoi sapere quando devi essere conservativo e prevale l’opzione a basso rischio. “Sono al terzo posto e devo rimanere terzo”, ad esempio. Penso che ora siamo bravi in questo “, spiega Ed Reynolds, direttore del progetto Quantum Racing.

Aggiunge ancora:

“Abbiamo grandi aspettative in questa stagione e con tutte le nostre analisi dei dati, sappiamo come può essere la barca, sappiamo che potremmo non essere la barca più veloce della flotta in tutte le condizioni, ma l’obiettivo è sempre di essere tra i primi tre più veloci in tutte le condizioni e penso che possiamo essere fiduciosi per questa previsione “

Quantum Racing avrà Tom Burnham come allenatore per tutta la stagione.

I secondi classificati di Platoon apportano solo un cambiamento significativo alla loro formazione, aggiungendo ulteriore potenza nel reparto grinder, con l’arrivo di Phil Clapp, campione del mondo di canottaggio indoor, alto 2 metri, che si unisce all’equipaggio.

“Abbiamo svolto un lavoro ancora più deciso per ottimizzare lo scafo, riducendo il peso e migliorando le nostre prestazioni nella brezza dove pensiamo che i progetti Botin siano ancora più adatti. Cercheremo di eliminare gli errori che ci sono costati caro l’anno scorso. Dobbiamo scendere dalla linea di partenza senza intoppi, navigare velocemente e stare lontano dai guai. Ciò significa, letteralmente, concentrarsi solo su ogni prova come viene, ogni giorno come viene ”, afferma Ross Halcrow, trimmer di Platoon.

Dichiarazioni di Halcrow:

“Non vediamo davvero l’ora di tornare a Cape Town. JK [tattico, John Kostecki], Cheese [trimmer di randa, Dirk de Ridder] e io non siamo tornati insieme a Cape Town da quando abbiamo vinto la prima tappa della Volvo Ocean Race su Illbruck. ”

Proprio come Illbruck ha gettato le basi di una vittoria generale nella Volvo Ocean Race del 2001-2 con la vittoria di una prova a Città del Capo 18 anni fa, Halcrow e il team Platoon sperano che le vittorie in regata a Città del Capo saranno la base per raggiungere finalmente la testa della classifica della 52 SUPER SERIES.

Che gli eventi di Città del Capo siano arrivati in Sudafrica non è da poco e questo grazie al supporto della famiglia Plattner che ha sede proprio in questa regione, porto di casa del loro Team Phoenix. Sia Phoenix 11 che 12 battono bandiera sudafricana e avranno grandi speranze per una vittoria casalinga.

“Vincere è il sogno, ma realisticamente se potessimo salire sul podio qui, sarebbe già fantastico”, sorride Tony Norris, sudafricano che gestisce le barche Phoenix.

Le modifiche alla formazione del team includono il vincitore dell’America’s Cup Peter Holmberg come tattico e l’enorme esperienza di Andy Horton.

Gli equipaggi di Phoenix hanno dato a se stessi ogni possibilità di poter raggiungere i migliori risultati di sempre nelle acque di casa, avendo già effettuato 25 allenamenti prima di Natale, lavorando ampiamente con filmati di droni sovrapposti con dati in tempo reale, che vengono alimentati tra le due barche del team .

“Peter [Holmberg] ha corso qui anni fa e Andy ha molta esperienza nella flotta.” Norris aggiunge: “Abbiamo iniziato lavorando sulla navigazione di poppa che crediamo sia alla base per i nostri miglioramenti”.

L’interesse della flotta di appassionati di vela locale è cresciuto da quando sono stati annunciati gli eventi. Con entrambe le loro barche da regata in città, il programma Phoenix ha colto l’occasione per portare i giovani velisti della Royal Cape Sailing Academy a bordo durante le sessioni di allenamento, dando loro un primo assaggio di quello che significa regatare su un TP52, una decina di giovani hanno ricevuto una formazione iniziale.

“C’è così tanto entusiasmo qui e tanto talento. Stiamo solo cercando di offrire il più possibile in termini di opportunità “, spiega Norris.

Questo livello di interesse locale, aggiunge l’equipaggio Phoenix, sembra destinato ad attirare grandi flotte di spettatori per entrambi gli eventi di Città del Capo.

“Sappiamo che molte persone hanno decido di prender del tempo libero dal lavoro e hanno programmato di essere in acqua per assistere alle regate. Questo tipo di corse non è mai stato visto qui prima e tutti sembrano pronti a godersi il più possibile “, conclude Norris.

Tra quelli che, sulla base dei loro risultati all’inizio della stagione 2019, potrebbero essere considerati contendenti sul podio a Cape Town, Provezza è l’unica squadra ad aver aggiunto un terzo grinder a piedistallo, in linea con Platoon, l’altro design Vrolijk della flotta.

Dopo aver perso l’albero a Maiorca lo scorso anno, che ha interrotto quasi definitivamente la vera sfida al titolo, Provezza ha aggiornato il suo albero di scorta sostitutivo e spera di essere a pieno regime con il nuovo albero dal secondo evento di Città del Capo.

Sled arriverà a Cape Town sulla scia di una grande serie vincente a Porto Cervo. Nell’ultimo evento della scorsa stagione il team ha fatto scintille, vincendo sei prove, portando a casa la loro prima vittoria di tappa nel circuito.

“Abbiamo lavorato per tagliare la barca in modo diverso e alcuni nuovi allestimenti, oltre a nuove vele”, osserva Don Cowie di Sled.

Alcuni membri della flotta sostengono che Sled fosse al top nell’ultimo evento in Sardegna, per questo molti pensano che sarà la barca più in forma al ritorno in acqua, mantenendo il feeling vincente.

Bronenosec ha reclutato la doppia medaglia olimpica statunitense Jonathan McKee per lavorare con Morgan Larson, mentre Alegre di Andy Soriano ha cambiato la sua retroguardia facendo salire a bordo il campione del mondo 470 Nic Asher, come stratega, per integrare il lavoro di Ado Stead nell’afterguard.

Dopo aver disertato la stagione 2019, la squadra francese di Jean Luc Petithuegenin torna con Paprec. Il team manager Stephane Névé afferma:

“Siamo lieti di tornare nella 52 SUPER SERIES e di essere qui a Cape Town. Cedric Pouligny sarà il nostro tattico per questo evento, ha fatto molti Tours de France e ha corso su molte imbarcazioni sia in regate a bastone che altura, è stato anche su Fressa Rossa la scorsa stagione.”

La stagione 2020 dura sei mesi con sei eventi senza nessuno scarto. La stagione 2019 è stata la meno scontata e la più competitiva di sempre, la vittoria del titolo non è stata risolta fino agli ultimi giorni della stagione. Guardando il circuito di quest’anno, sarà un itinerario che metterà alla prova le velocità e le abilità nelle brezze di Città del Capo, seguite da quattro regate in luoghi mediterranei ben noti e rodati. E’ quasi certo che a sollevare il titolo 2020 sarà il team in grado di ridurre la pressione sostenuta, commettendo il minor numero di errori.

52 SUPER SERIES 2020, le date dei 6 eventi:

  

  1. Odzala Discovery Camps 52 SUPER SERIES V&A Waterfront – Cape Town – 2-6 marzo, Cape Town, Sudafrica
 
  2. Rolex TP52 World Championship Cape Town 2020 – 31marzo -4 aprile, Cape Town, Sudafrica
  
  3. Royal Cup 52 SUPER SERIES Scarlino 2020 – 12-16 maggio, Toscana, Italia
  
  4. Audi 52 SUPER SERIES Porto Cervo e TP52 20th Anniversary – 17-21 giugno, Sardegna, Italia
 
  5. 52 SUPER SERIES Valencia Sailing Week – 18-22 luglio, Valencia, Spagna
 
  6. Settimana velica di Puerto Portals 52 SUPER SERIES – 15-19 settembre, Mallorca, Spagna

2020 voci

Alegre – Andy Soriano (USA / GBR), 2018 Botin
Azzurra – Roemmers Family (ARG / ITA), 2018 Botin
Bronenosec – Vladimir Liubomirov (RUS), 2019 Botin
Gladiator – Tony Langley (GBR), 2017 Botin
Paprec Recyclage – Jean-Luc Petithuguenin (FRA), 2015 Judel / Vrolijk
Phoenix 11 – Hasso / Tina Plattner (RSA), 2018 Botin
Phoenix 12 – Hasso / Tina Plattner (RSA), 2014 Botin
Platoon – Harm Müller-Spreer (GER), 2018 Judel / Vrolijk
Provezza – Ergin Imre (TUR), 2018 Judel / Vrolijk
Quantum Racing – Doug DeVos (USA), 2018 Botin
Sled – Takashi Okura (USA), 2018 Botin
Team Vision Future – Jean Jacques Chaubard (FRA), 2015 Botin


Condividi questo articolo:
Alegre Azzurra Bronenosec Gazprom Gladiator Odzala Discovery Camps 52 SUPER SERIES V&A Waterfront – Cape Town Paprec Recyclage Phoenix 11 Phoenix 12 Platoon Provezza Quantum Racing Sled Team Vision Future

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies and our privacy policy. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close