5. Aprile, 2020

C’è chi sta facendo molto per combattere

(Domenica 5 aprile 2020, Palma di Maiorca) – I marinai e lo shore team della più ampia famiglia delle 52 SERIE SUPER stanno mettendo a frutto le loro abilità – e in molti casi il loro hardware – aiutando a sostenere la battaglia contro la pandemia COVID-19. A Palma di Maiorca, in particolare, gruppi e singoli individui sono impegnati nella realizzazione di indumenti protettivi personali, mascherine e visiere protettive.

Molti dei velisti di Palma di Maiorca come Mathieu Cassanas di Phoenix, Jordi Calafat di Platoon, Martin Winter of Quantum Racing e Gwenael Le Guen di Provezza stanno contribuendo a realizzare abiti e mascherine di stoffa in un’iniziativa coordinata da Pablo Torrado della Maxi72 Cannonball. Altri, come Feargal Finlay di Gladiator e Ross Hunter di Azzurra, stanno sfruttando appieno le stampanti 3D per produrre maschere e visiere protettive in plastica.

Queste iniziative alimentano un’organizzazione della Balearic IB Salut, che raccoglie e distribuisce i dispositivi di protezione tanto necessari in questo momento.

“Esiste un sistema di messaggistica che copre l’intera Spagna, di cui sono membro. Esistono file comuni su cui lavoriamo per produrre i diversi articoli e metterli insieme. Sull’isola qui il nostro lavoro è coordinato da una società di stampa 3D che mantiene un inventario di chi sta facendo cosa e quali materiali sono necessari. Quando le cose vengono raccolte riceviamo nuovi materiali. Credo che all’interno delle isole abbiamo circa 200 persone che utilizzano stampanti 3D, da hobbisti e ragazzi come me che hanno una sola macchina che di solito useremmo per fare pezzi di ricambio per Gladiator, ad alcune persone che potrebbero avere quattro o cinque macchine “ Spiega Feargal Finlay, capitano di Gladiator. “La mia macchina funziona 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e posso fare da quattro a otto pezzi al giorno a seconda di cosa si tratta. Penso che ora ho fatto 20 scudi facciali. Credo che tra i 200 ragazzi e ragazze dell’isola abbiamo realizzato qualcosa come 10.000 articoli nelle due settimane in cui siamo stati rinchiusi.”

Aggiunge:

“Quando ciò è accaduto, abbiamo avuto la possibilità di saltare sul primo volo di ritorno a casa, ma sentivamo di rimanere qui. L’isola è la nostra casa, che tutti apprezziamo e dove viviamo. Volevamo restare qui e ora sentiamo che stiamo contribuendo nel nostro piccolo.”

Nel frattempo, a Valencia, anche il velaio di Bronenosec, Alfredo Roberi sta trascorrendo le sue giornate a produrre maschere e abiti protettivi dopo aver ottenuto un permesso speciale che gli consente di lavorare nel suo loft. Alfredo ha già realizzato circa 600 mascherine e 300 maschere per il viso mettendo non solo il suo tempo, ma anche i suoi soldi nel progetto per l’acquisto del materiale. Sua moglie Ana è incaricata di distribuire il materiale alle ONG, agli ospedali e ai più bisognosi. Alfredo è un esperto nell’uso di questi materiali e crede che quelli utilizzati nel settore della vela professionistica siano incredibilmente versatili in questa crisi attuale.

“Le mascherine che realizzo sono riutilizzabili. Puoi lavarli o metterli nel microonde e poi riutilizzarli, quindi sono molto utili e durevoli. Molte persone mi hanno donato materiale e vorrei ringraziare tutti per il loro aiuto “.


Condividi questo articolo:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies and our privacy policy. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close