13. giugno, 2015

Riccardo Bonadeo, un Commodoro 2.0

Riccardo Bonadeo, una passione smisurata per la vela, da otto anni Commodoro dello Yacht Club Costa Smeralda, è lui a parlarci della gestione di una club dai connotati internazionali come pochi al mondo, del team Azzurra e delle 52 SUPER SERIES.

Ieri lei è stato “guest” su Azzurra, quali emozioni ha provato?

Ho vissuto delle forti emozioni, queste barche sono un concentrato di potenza ed eleganza, il ruolo di “guest” deve essere concesso a chi ha conoscenza del mezzo su cui sale, io mi sono divertito ma devo dire che si fa molta fatica anche da ospite, sopratutto di bolina, quando si passa da un bordo all’altro in pochissimi istanti, queste barche sono velocissime, nervose e bisogna seguire con attenzione ogni minimo movimento. Il Tp52 con 25 nodi esprime una potenza incredibile ed è un onore per noi poter ospitare le 52 SUPER SERIES qui a Porto Cervo.

E’ una classe che sta vivendo una seconda giovinezza, grandi progetti e sempre più team, qual’è il segreto secondo lei?

Sono barche incredibili, sicure, con contenuti tecnologici d’avanguardia, definirei “intelligenti”. E’ bello vedere lo scrupolo di come vengono preparate, l’ottimizzazione a seconda delle condizioni meteo e dietro a questo c’è un gruppo di armatori che vivono la barca con intensità, potendola timonare con successo. Nel nostro caso, con Azzurra, Alberto Roemmers che timona durante le andature di bolina si diverte molto ed è molto bravo, c’è proprio un senso di soddisfazione nel condurre queste barche. Il livello stra-top, nelle location più belle del mondo, credo sia un mix più che vincente. Nella gestione della classe e del circuito ci sono persone come Rob Weiland e Agustin Zulueta che fanno un grande lavoro, sono degli appassionati, degli esperti del settore e dimostrano ogni giorno grande professionalità, un gruppo che è sinonimo di successo.

A proposito di successo: quello dello Yacht Club Costa Smeralda è dovuto al grande lavoro nell’organizzare regate?

Il Club rappresenta l’eccellenza nell’organizzare le regate, una struttura che permette un supporto di ospitalità di altissimo livello, l’attenzione che poniamo ad ogni dettaglio, condiviso con l’apertura della sede caraibica a Virgin Gorda, ci ha permesso di dare una continuità nell’organizzazione di grandi eventi e la creazione di una sede invernale per i nostri soci. Certo la Costa Smeralda è uno “spot” che aiuta a far si che vengano qui le più grandi regate, è garanzia di continuità per un futuro di grandi eventi. La contrazione economica degli ultimi anni si è sentita anche qui in da noi, posso dire però che siamo riusciti a mantenere un’attività sportiva di grande livello, forse perchè i grandi armatori non rinunciano a venire qui per regatare, anche in mare diamo un supporto di professionalità internazionale, pochi segreti, tanta passione per questo sport!

Ieri, Riccardo Bonadeo ha festeggiato i cinquant’anni di matrimonio, una vita insieme alla moglie Sciaké, la passione condivisa per il mare, per la vela, per Azzurra e per la Costa Smeralda. Un Commodoro sempre con il SORRISO e la battuta pronta!


Condividi questo articolo: